Accedi
Registrazione
Buon Giorno, oggi è | domenica 15 settembre 2019
  Cerca
LabelRss Forum Blog
Beni culturali

Teatro-Cinema-Auditorium Radar Teatro-Cinema-Auditorium Radar
 
Teatro-Cinema-Auditorium RADAR





Il Teatro-Cinema-Auditorium “Radar” riapre al pubblico mercoledì 7 marzo 2018, dopo 33 anni.

La sua costruzione risale al 1938 – 1939 circa, ai tempi del fascismo, ed è successiva rispetto  l’edificazione della scuola elementare “Primo Circolo S. Antonio”.

La struttura nasce come albergo della famiglia Camicia, del signor Anselmo Camicia, proprietario della villa adiacente al Radar.

Il progettista, l’ing. Gimbattista Giannoccaro  realizza l'immobile in puro stile fascista: tondeggiante e imponente,  con due  funzioni distinte: una sala utilizzata per le rappresentazioni teatrali e cinematografiche e un albergo, data la vicinanza alla stazione ferroviaria.

La sala per le proiezioni cinematografiche rimane in funzione sino ai primi degli anni ‘80, quando, con l’avvento della TV a colori, in tutta Italia si registra una crisi del cinema e così, anche il Radar viene chiuso.

L’albergo della famiglia Camicia funzionò fino agli anni settanta; in seguito fu utilizzato per “ospitare” gli uffici dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione e alla Cultura.

Nel 1987 l’Amministrazione Comunale, dopo la perizia redatta dall’ing. Vito Andrea Fiume, acquista l’immobile al prezzo di 1 miliardo e 300 milioni.

Il percorso verso la rinascita è iniziato nel 2008 con l’esame della documentazione relativa al concorso di idee lanciato dall’Amministrazione Comunale agli inizi degli anni 90.




Fonti:
-    Laricchiuta Nicola, “Il Radar non è morto, sta solo dormendo” in L’Eco del Sud- Est, sabato 21 Giugno 2008;
-    Mastronardi Mariangela “Riapriteci il Radar”, in Portanuova, attualità, Anno XX n° 57 Maggio 2001;

 



STORIA RECENTE, IL PERCORSO CHE HA PORTATO ALLA RIAPERTURA 
(aggiornato a luglio 2018)



A fine luglio del 2010 il Sindaco Emilio Romani, il Presidente del Conservatorio Incardona, il Dirigente Ministeriale (MIUR) dott. Civello e  l’Assessore alla Cultura Orciuolo conferiscono al Dirigente Comunale dott. Pietro D’Amico incarico di redigere gli atti necessari ad avviare e definire partnership tra MIUR, Conservatorio e Comune di Monopoli finalizzata a reperire risorse e ristrutturare il Teatro Radar e l’ex Albergo Savoia.

Con deliberazione n. 60 del 21.09.2010, il Consiglio Comunale della Città di Monopoli approva protocollo d’intesa da sottoscrivere con MIUR e Conservatorio finalizzato a formalizzare una partnership per recuperare l’ex Cinema Teatro Radar e  l’ex Albergo Savoia allo scopo di creare un polo culturale unico che restituisca alla città di Monopoli un teatro/auditorium/cinema e garantisca al Conservatorio nuovi spazi didattici e un auditorium.

Il Protocollo d’intesa viene firmato il 12.10.2010.
Con il Protocollo d’intesa le parti si impegnano a reperire € 7.500.000,00 nel modo seguente:
- € 4.000.000,00 da reperire a cura del Comune di Monopoli
- € 3.500.000,00 da reperire a cura del MIUR- Conservatorio
A fronte dell’investimento del MIUR-Conservatorio sulla proprietà del Comune di Monopoli, questo si impegna al termine dei lavori:
1) A concedere a mezzo apposito atto per anni 50 (cinquanta) al Conservatorio gli ambienti relativi all’ex Albergo Savoia da destinarsi alle funzioni didattiche;
2) A concedere la fruizione dell’auditorium a mezzo apposito atto che concili gli obiettivi di entrambe le amministrazioni.
Con il protocollo di intesa del 12.10.2010 le parti si impegnano a definire i dettagli della partnership in accordi successivi con cui in particolare definire spazi e tempi di utilizzo da parte del Comune di Monopoli o di suo concessionario.

Il 15.3.2011 viene firmata Convenzione disciplinante i rapporti tra Comune di Monopoli e Conservatorio in ordine alla gestione della gara d’appalto e realizzazione dei lavori.

Il 24.7.2013 le parti firmano altra Convenzione, che aggiorna la precedente, in esecuzione del Protocollo d’intesa del 12.10 2010 dalla quale si evince:
- assetto definitivo della copertura del quadro economico di progetto:


Ente Somma %
Miur – Conservatorio   €3.118.578,47   42,80%
Comune di Monopoli € 967.984,31 (bilancio comunale – fondi diretti) 13,28%
  € 3.200.000,00 (bilancio comunale – da finanziamento regionale PO FESR 2007/2013 – DDR 544/2011)  43,92%
Totale reperito da Comune Monopoli €4.167.984,31 57,20%
Totale €7.286.562,78 100%











- Si costituisce Ufficio Comune per gestione appalto in capo ad Area III Tecnica Lavori Pubblici;
- Si individua Responsabile Unico dell’appalto nella persona del dirigente comunale ing. Pompeo Colacicco
- Si decide di redigere progetto definitivo su cui acquisire visto di conformità agli obiettivi perseguiti da parte del Conservatorio;
- Il Conservatorio precisa meglio in narrativa i propri obiettivi relativi all’utilizzo dell’Auditorium: produzione artistica, manifestazioni musicali, iniziative di valorizzazione della cultura musicale che rientrano nei fini istituzionali del Conservatorio.

In data 11/9/2013 l’Amministrazione indice gara pubblica per selezionare soggetto che rediga progetto di ristrutturazione e successivamente realizzi i lavori

Il 27.2.2014 la gara viene aggiudicata al consorzio “Research Consorzio Stabile” corrente in Milano che realizza progetto e lavori tramite la impresa consorziate “Cobar s.p.a.” di Altamura (BA)

Il 27/06/2014, con Deliberazione 108/2014,  la Giunta Comunale ha approvato il progetto definitivo dell’intervento.

Con successiva Deliberazione 189/2014 (06/11/2014) il suddetto progetto definitivo è stato aggiornato approvando le migliorie.

Il 19/03/2015, Deliberazione di Giunta Comunale 47/2015 è stato approvato il progetto esecutivo.

L’inizio lavori viene dato il 23/3/2015 e i lavori si concludono l’1/12/2017 (durata: 923 giorni)

Il 29 maggio 2017, all’interno del Consiglio di Amministrazione, il Conservatorio e il Comune di Monopoli concordano le modalità di fruizione del Teatro Radar da parte del Conservatorio.
Il 12 ottobre 2017 con delibera di giunta Comunale n. 147 del 12/10/2017 il Comune di Monopoli  recepisce e approva le condizioni di fruizione definite dal Consiglio di Amministrazione del Conservatorio 
Sempre con lo stesso provvedimento la Giunta Comunale, alla luce di uno studio molto approfondito condotto dall’Area Organizzativa I Affari Generali del Comunali (diretta dal dott. Pietro D’Amico)  con la collaborazione dell’Area Organizzativa II Attività finanziarie Il Comune di Monopoli (diretta dal dott. Francesco Spinozzi) decide di affidare per 7 anni la gestione del Radar a soggetto concessionario del Comune.
In particolare il Comune di Monopoli, preso atto che, né il Comune, né il Conservatorio, dispongono delle risorse finanziarie e organizzative per garantire in via diretta la gestione del Radar, opta più prudenzialmente verso una gestione attraverso un concessionario dotato di alta professionalità e adeguata solidità finanziaria selezionato con procedura ad evidenza pubblica di rilievo europeo. Il concessionario dovrà garantire gli spazi di utilizzo richiesti dal Conservatorio e dal Comune di Monopoli ed un piano tariffario agevolato per associazioni, scuole, etc. Il Concessionario dovrà accollarsi tutte le spese di funzionamento della struttura e manutenzione della struttura e potrà gestire economicamente la stessa.

Lo studio di casi analoghi in tutta Italia ha dimostrato che contenitori culturali di queste dimensioni (circa 450 posti) non garantiscono una  gestione remunerativa. In questi casi, il vigente Codice dei Contratti Pubblici contempla la possibilità di prevedere un contributo finalizzato al raggiungimento e al mantenimento dell’equilibrio finanziario da parte del concessionario.  Questo contributo è stato stimato in massimo € 100.000,00 annui soggetti a ribasso d’asta ed è stato stanziato solo dal Comune di Monopoli. Il Concessionario che si aggiudicherà la gara, pertanto, potrà contare su tale contributo massimo messo a disposizione dal Comune di Monopoli.
Le risorse sono state intercettate in bilancio attraverso tagli e ottimizzazioni delle spese correnti senza determinare alcun nuovo peso tributario sui cittadini monopolitani.
Il 29.11.2017 il Dirigente responsabile del Servizio Politiche culturali,  dott. Pietro D’Amico approva il capitolato di gestione del Radar che definisce ogni dettaglio di funzionamento della struttura e tutte le regole per la sua gestione.

Il 13/02/2018 la Centrale Unica di Committenza del Comune di Monopoli pubblica la gara per la selezione del concessionario.

In data 7.3.2018 il Radar viene inaugurato con una rassegna d’apertura in cui si articolano circa 20 eventi dal 7 al 18 marzo.

In data 9.4.2018 si è chiuso il termine per la presentazione delle offerte nella gara indetta per le selezione del concessionario.
In data 29.5.2018 previo apposito sorteggio tra rosa di esperti è stata nominata la Commissione Giudicatrice

Il 25.6.2018 la Commissione giudicatrice ha formalizzato proposta di aggiudicazione in favore del concorrente “TEATRI DI BARI” corrente in Bari, via Guido Dorso n.30 (CAP 70125).
In data 2.7.2018 il Dirigente dell’A.O. I Affari Generali e Sviluppo Locale, dott. Pietro D’Amico, ha approvato la determinazione di aggiudicazione definitiva a “TEATRI DI BARI”. La determinazione è attualmente in fase di definizione del visto contabile, per la definitiva esecutività a cui seguirà la stipula del contratto di concessione e la consegna del Radar a Teatri di Bari.
 


Ultimo aggiornamento: Luglio 2018
Menu

Link correlati

 
Posta Elettronica Certificata:
comune@pec.comune.monopoli.ba.it
Copyright © 2009-2010  - 
Mappa del Sito - Note Legali - Accessibilità e Usabilità - Storia del Sito