Accedi
Registrazione
Buon Giorno, oggi è | venerdì 13 dicembre 2019
  Cerca
LabelRss Forum Blog
Beni culturali

Arte e Cultura - Le edicole votive Arte e Cultura - Le edicole votive
 
Le Edicole Votive


                                                             Edicola Votiva C.da Impalata (nelle vicinanze della benzina)

Le edicole votive sono semplici strutture architettoniche che ritroviamo “disseminate” nel centro storico e negli antichi tratturi di campagna: un segno tangibile della religiosità popolare.
Il termine “edicola” deriva dal latino “aedicola”   che significa piccolo tempio: in genere, queste piccole strutture presentano, sul prospetto, due colonne che sorreggono un frontone. Inoltre, è possibile distinguere due tipi di edicole: quelle ricavate nelle mura, presenti nel centro storico monopolitano e quelle costruite come a sé stanti, collocate soprattutto nell’agro.
Piccoli monumenti, segno di un’arte povera e di una religiosità di antica data, le cui antiche radici, sono retaggio del mondo pagano.

Nella Roma antica, per esempio, in ogni abitazione c’era un angolo riservato ai Lares, divinità protettrici del focolare domestico; nei crocicchi delle strade inoltre, si onoravano i Compitales, statuette divine in terracotta, collocate su muretti e custodite in edicole.
La prima testimonianza storica  di questi manufatti risale al XII sec.; si diffusero in molto rapido e, in passato, tale fu la loro importanza da conquistarsi addirittura la protezione dei governanti, e dar luogo ad un’edilizia spontanea legata a storie di ordinaria devozione o a significativi eventi, quali nascite, morti, grazie ricevute, etc.

Edicole che in apparenza sembrano uguali: in realtà ogni edicola risponde a tipologie costruttive diverse. E’ possibile trovare,infatti, manufatti baroccheggianti, tempietti in muratura dipinti a calce quasi sempre sormontati da una croce, o semplici costruzioni a pignon  (tetto in pietra viva), etc.
Le edicole avevano quindi, in primis, una funzione religiosa. Il gesto devozionale dell’icona era legato soprattutto ad un bisogno di protezione e ad un rapporto con la divinità. Madonne e Santi erano compagni di viaggio: bisognava incontrarli per strada, mentre si andava a lavorare, sempre a “portata di preghiera”.
Molto diffuso il culto della Madonna della Madia, come si può notare dalle cappelle votive che ne riproducono l’immagine, sparse tra i vicoli e gli archi del centro storico monopolitano. In secondo, le edicole rappresentavano un punto di riferimento per i cittadini, un luogo di incontro e socializzazione: notevole utilità come luogo di vita pubblica, quando ancora non esistevano i numeri civici o  fonte di benedizione per i ceri che illuminavano le strette viuzze e rischiaravano la via.

Nelle campagne, invece, molto spesso, le edicole sono poste solitamente nei pressi o agli incroci di strade o sulla porta d’ingresso di antiche masserie. In questo caso, la devozione è quasi sempre tramandata di padre in figlio e attraversa varie generazioni e ceti sociali: offrendo fiori, assicurando manutenzione e commissionando messe di suffragio, i contadini chiedevano protezione contro malattie, terremoti, carestie, etc.
 
                                                      Edicola Votiva  P.zza Garibaldi                                    

Notizie tratte  da:

-    “Per Icone” - Inserto a Porta Nuova, periodico monopolitano, anno VIII, n. 21, agosto 1989;
 
-     “Mappa di Comunità - Quaderno dell’ Ecomuseo di Valle d’Itria, Città di Monopoli  - “diario di bordo” 
       Monopoli….un legame tra terra e mare. Marzo 2011 “ pag. 19;

-    Si ringrazia la gentile collaborazione della Sig.ra Bruna de  Marinis;

-    “La Scuola adotta un monumento - le schede - Edicole votive del Centro Storico” - Scuola Elementare
      1° Circolo -  Iniziativa realizzata con il prezioso contributo dell’Agenzia Generale di Monopoli  dell’Ina Assitalia -
      schede in aggiunta a Portanuova, periodico monopolitano;
 
-    Pepe Francesco, Di Palma Giuseppe (fotografia) “ Alla corte della Masseria”,  Complessi fortificati in agro di
     Monopoli, Zaccaria Editore, Maggio 1999 Tipografia C&C Arti Grafiche, Monopoli.




Testo, Ricerca e Foto a cura di Angela Marasciulo
Servizio Civile 2012 - Comune di Monopoli «Progetto Espressioni d'identità»
[19 Aprile 2013]


 
Link correlati

...

 
Posta Elettronica Certificata:
comune@pec.comune.monopoli.ba.it
Copyright © 2009-2010  - 
Mappa del Sito - Note Legali - Accessibilità e Usabilità - Storia del Sito