Accedi
Registrazione
Buon Giorno, oggi è | giovedì 16 luglio 2020
  Cerca
LabelRss Forum Blog
Beni culturali

Arte e Cultura - La Confraternita del Santo Rosario Arte e Cultura - La Confraternita del Santo Rosario
 
La Confraternita del Santo Rosario (in San Vincenzo)




Nata probabilmente intorno al terzo o quarto decennio della seconda metà del XVI secolo, la Confraternita si è caratterizzata per aver annoverato tra i suoi iscritti soprattutto gente di alta estrazione sociale.

La sua istituzione si è concretizzata grazie all’impegno (o meglio, cooperazione) di un nobile bergamasco, Giacomo Cetrelli, residente a Monopoli e si è consolidata grazie all’intervento dei Domenicani nella chiesa del cui convento fu eretta la relativa cappella.
Lo stesso Cetrelli, fece dipingere il quadro raffigurante la vergine del 1585, e fece altresì costruire la cappella nella chiesa del convento. Inoltre, come scritto nel libro di Pepe - “da un’iscrizione latina, si apprende che - nel 1633 furono ricavati due sepolcreti sui quali fu innalzata una  chiesetta servita poi al sodalizio dopo la soppressione francese del convento e l’abbandono della chiesa di S. Domenico, alla fine del 1700. Nel 1883, il priore chiese ed ottenne di costruire una nuova chiesa per il sodalizio, della quale l’antica divenne la sacrestia; la chiesa fu aperta nel 1841.”

Le Regole della confraternita ebbero il regio assenso nel 1765. In particolare, chi voleva far parte della confraternita, doveva principalmente essere di buona fama e costumi, di non essere inquisito, non litigante, né debitore della propria congregazione e né espulso da altre. Il ricevere la comunione era un altro importante aspetto dell’essere confratello e quindi dalla frequenza del ricevere Dio nei Sacramenti. Tra gli obblighi, era previsto partecipare alle processioni, che cessavano solo in periodo di villeggiatura: in questo periodo non si tenevano gli incontri della confraternita.  

Le consorelle, invece, non erano tenute a nessun obbligo, (non partecipavano neppure alle riunioni), se non a quello di pagare le quote di iscrizione per avere diritto alle esequie. Se non si interveniva alle esequie “senza positivo impedimento” si doveva pagare un carlino che sarebbe servito per celebrare le messe in suffragio dell’anima del defunto.

All’interno della Confraternita, era presente la figura del “fiscale”, per quello che riguardava le cose di economia che doveva gestire con giustizia,  l’intera economia interna tra il sodalizio; altra figura era quella dell’infermiere, che aveva il compito di far visita ai confratelli malati e segnalare le sue necessità al priore,
Il 4 dicembre 1875 il R.mo padre vicario generale dell’Ordine Domenicano, Giovanni Maria Sanvito, aggregò la confraternita del Rosario di Monopoli alla primitiva confraternita del Rosario esistente presso l’Ordine Domenicano. Il sodalizio, così venne arricchito di tutte le indulgenze e privilegi concessi dai papi ai confratelli e alla chiesa del Sodalizio: gli altari privilegiati in perpetuo e il perdono del Rosario, la prima domenica di Ottobre.

Nel 1911, la confraternita, comunemente detta di S. Vincenzo per il culto riservato al santo, venne introdotto l’Apostolato della Preghiera. In quegli anni era particolarmente sentito il culto per S. Vincenzo Ferreri e la Madonna del Buon Consiglio (insieme alla devozione dei Sacri Cuori di Gesù e Maria), per la quale c’era un particolare interesse religioso. I confratelli (la cui loro mozzetta è di color nero), contribuirono ad abbellire la chiesa, sita nei pressi di Piazza XX Settembre; oggi vede la piccola festa esterna per la ricorrenza della Madonna del Rosario, con luminarie e musiche.



Testo e Notizie tratte da:


-    Pepe Francesco, Di Palma Giuseppe, “Santi, Cristi e crestjène Cronache di religiosità popolare a Monopoli” Prefazione di Giuseppe Vacca, Zaccaria Editore, 2005.



Ricerca e foto a  cura di Angela Marasciulo
Servizio Civile 2012 - Comune di Monopoli «Progetto Espressioni d'identità»
[28 Maggio 2013]
Menu

Info

 
Posta Elettronica Certificata:
comune@pec.comune.monopoli.ba.it
Copyright © 2009-2010  - 
Mappa del Sito - Note Legali - Accessibilità e Usabilità - Storia del Sito