Accedi
Registrazione
Buon Giorno, oggi è | venerdì 19 aprile 2019
  Cerca
LabelRss Forum Blog
Ambiente e territorio

Ambiente e territorio - Emergenza Xylella Ambiente e territorio - Emergenza Xylella

 

MISURE FITOSANITARIE PER CONTRASTARE LA DIFFUSIONE DELLA XYLELLA

Ad  oggi  non  esiste  un  metodo  per  curare  una  pianta  infetta  e  non  esistono  prodotti  registrati  ed autorizzati che curano la Xylella fastidiosa.La lotta alla xylella, ai sensi della Decisione Europea 789/2015 smi si effettua attraverso l’eliminazione delle fonti di inoculo (piante infette) con azioni di eradicazione/contenimento e il controllo del vettore.
Le   piante   infette   individuate attraverso   un   monitoraggio   capillare devono   essere immediatamente estirpate.
Nei  confronti  del vettore,  che  è  un  insetto  polifago  e  ubiquitario, si deve  intervenire con  interventi meccanici e chimici finalizzati a ridurne la popolazione, sia nei confronti degli stadi giovanili che degli adulti.
Per  eliminare  gli  stadi  giovanili si  interviene  da  marzo  ad  aprile  con lavorazioni  del  terreno  o  trinciatura delle  erbe  spontanee.
Successivamente  si  effettuano  due  trattamenti  insetticidi  contro  gli  adulti,  untrattamento a maggio e uno a giugno, con le seguenti cautele:

  • Impiegare esclusivamente prodotti la cuietichetta contempla l'uso contro la sputacchina su olivo;
  • Effettuare i trattamenti insetticidi esclusivamente su olivo ed evitare i trattamenti su piante secche.

Leaziende olivicole in biologico possono ottemperare all’obbligo dei trattamenti fitosanitari adulticidi rimanendo in regime di conversione senza tuttavia poter certificare il prodotto bio.


SINTESI DELLE ATTIVITA’ DI CONTRASTO
  • Monitoraggio delle zone contenimento,cuscinettoe area indenne
  • Abbattimento immediato delle piante risultate infettein zona contenimento
  • Abbattimento immediato delle piante risultate infettee delle piante ospiti nel buffer di  100 m in zona cuscinetto o indenne
  • Controllo (meccanico e chimico) delvettore
  • Controllo e limitazioni alle attività vivaistiche
  • Controllo alla movimentazione delle piante “specificate”
  • Divieto di impianto piante ospiti all’interno della zona infetta con  deroga  per  le  varietà  di  olivo resistenti Leccino e FS17
  • Divieto di impianto di specie ospiti in “zona contenimento”

VIVAISMO

La decisione 789/2015 smi vieta lo spostamento all'esterno delle zone delimitate, e dalla zona infetta verso la zona cuscinetto, delle “piante specificate”che sono state coltivate per almeno parte del loro ciclo vitale in tali zone.
Tutte le piante specificate sono oggetto di spostamenti verso e all'interno del territorio dell'Unione solo se sono accompagnate da un passaporto delle piante.
Il passaporto non viene rilasciato agli acquirenti non professionali. I vivai ubicati in zona infetta e in zona cuscinetto non sono autorizzati all’emissione del  passaporto,  ad eccezione dei vivai autorizzati in deroga dal Servizio Fitosanitario regionale.
Le piante  specificate  che  sono  spostate  attraversando  zone  delimitate,  o  all'interno  di  queste, devono essere trasportate in contenitori o imballaggi chiusi, atti a prevenire l'infezione da Xylella o dei suoi vettori

OPUSCOLO INFORMATIVO
26/03/2019 - Sintesi delle misure fitosanitarie da adottare, obbligatorie e raccomandate
In Evidenza
Delibera di Giunta Comune di Monopoli n.54 del 04/04/2019
Ordinanza Sindacale n. 160 del 11/04/2019

 

COMUNICATI STAMPA

Azioni contrasto alla Xylella Fastidiosa
Ordinanza Sindacale misure anti Xylella

Ultimo aggiornamento: 12 aprile 2019

Contatti

 
Posta Elettronica Certificata:
comune@pec.comune.monopoli.ba.it
Copyright © 2009-2010  - 
Mappa del Sito - Note Legali - Accessibilità e Usabilità - Storia del Sito