Login
Register
Buon Giorno, oggi è | Thursday, August 22, 2019
  Search
LabelRss Forum Blog
Vivere la Città
I soggetti
il Municipio

Amministrazione trasparente

Le aree tematiche
Tutte le News pubblicate Tutte le News pubblicate

Current Articles | Categories | Search | Syndication

Ordinanza n. 324 del 5 agosto 2015: il Tar respinge il ricorso   Ordinanza n. 324 del 5 agosto 2015: il Tar respinge il ricorso
Pubblicato da: sante.scarafino

COMUNICATO STAMPA N.2523
10 settembre 2015


Ordinanza n. 324 del 5 agosto 2015: il Tar respinge il ricorso

Per i giudici amministrativi tale provvedimento era “legittimo ed immune dai denunciati vizi”
 
Con ordinanza n. 501 del 3 settembre 2015, il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia, Sezione Unica, ha respinto il ricorso per l'annullamento (previa sospensione dell'efficacia) dell’ordinanza del Sindaco Emilio Romani n. 324 del 5 agosto 2015, recante la "disciplina degli orari di svolgimento delle attività degli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, esercizi pubblici di trattenimento e svago, sale giochi, dei locali di delle manifestazioni varie per attività accessorie e di allietamento svolte nei pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande negli esercizi commerciali".

Il ricorso era stato presentato da Sabbia D'Oro Sas, Purple Beach S.r.l., Frapa Soluzioni Srl, Palmitessa e Labbate Snc, Tema Srl, Bellifreschi Srl, Torre Coccaro Srl e Luigi Spalluto (rappresentati e difesi dagli avvocati Carmine Rucireta e Saverio Profeta) contro il Comune di Monopoli (rappresentato e difeso dall'avvocato Pierluigi Nocera).

I giudici amministrativi hanno ritenuto in sede cautelare l’ordinanza del Sindaco Romani provvedimento “legittimo ed immune dai denunciati vizi”. Inoltre, si è stabilito che “la liberalizzazione degli orari e delle attività commerciali e di somministrazione di alimenti e bevande di cui all’art. 3 del DL 223/06, convertito il legge 248/06, può subire limitazioni in ragione del contemperamento degli interessi imprenditoriali con le esigenze di tutela di interessi pubblici prevalenti, quali quello alla sicurezza e all’ordine pubblico o al diritto dei cittadini alla quiete e al riposo notturno, con adeguata ponderazione delle posizioni antagoniste e conseguente motivazione,condizioni queste ultime che ricorrono nel caso in esame”.

Infine, scrive il Tar, “le attività di allietamento (diffusione di musica a basso volume quale attività completare, accessoria e secondaria rispetto a quella di somministrazione di alimenti e bevande) devono contemperarsi anch’esse con le esigenze di tutela degli interessi pubblici sopra indicati e che la relativa loro limitazione oraria non pregiudica il prosieguo dell’attività principale”.

ORDINANZA TAR N.501 DEL 03/09/2015

Il Comune informa
Finestra sulla città

Eventi
JulyAugust 2019September
SMTWTFS
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
 
       

Segnala un Evento
 
Posta Elettronica Certificata:
comune@pec.comune.monopoli.ba.it
Copyright © 2009-2010  - 
Mappa del Sito - Note Legali - Accessibilità e Usabilità - Storia del Sito