Login
Register
Buon Giorno, oggi è | Thursday, February 27, 2020
  Search
LabelRss Forum Blog
il Municipio

Amministrazione trasparente

Vivere la Città
I soggetti
Le aree tematiche
Tutte le News pubblicate Tutte le News pubblicate

Current Articles | Categories | Search | Syndication

“I rischi naturali. Cosa sono e come ci si protegge”   “I rischi naturali. Cosa sono e come ci si protegge”
Pubblicato da: sante.scarafino

COMUNICATO STAMPA N.4483
14 febbraio 2020

“I rischi naturali. Cosa sono e come ci si protegge”
Sabato 22 febbraio alle ore 18.30 nella Biblioteca civica “Prospero Rendella”

La Terra è un pianeta vivo, fragile, vittima dei comportamenti sbagliati, illogici e distruttivi dell’uomo. La Terra si difende. Gli uomini potrebbero salvarsi se solo volessero. Di“rischi naturali” si parlerà a Monopoli nella Biblioteca civica “Prospero Rendella”, in Piazza Giuseppe Garibaldi 24, sabato 22 febbraio a partire dalle ore 18.30. Un pomeriggio realizzato in collaborazione con l’amministrazione comunale, nell’ambito del progetto “Di Terra di Mare di Cielo. Parole e immagini per riflettere sul futuro del nostro pianeta”.

Prima della biblioteca di Monopoli, il progetto itinerante ha già toccato le biblioteche di Trani e Martina Franca. Sino alla fine di marzo sarà a Galatina, Manfredonia, e S. Vito dei Normanni.

Libri e arte per raccontare l’ambiente in ogni suo aspetto, con l’aiuto di esperti, divulgatori e artisti. “Di Terra di Mare di Cielo” nasce da un’idea della storica dell’arte Lia De Venere, è realizzato dall’Associazione Culturale ETRA E.T.S. ed è promosso dalla “Teca del Mediterraneo”, la Biblioteca multimediale del Consiglio Regionale della Puglia.

Ad aprire il pomeriggio sarà il sindaco Angelo Annese, accompagnato dall’assessore alla cultura Rosanna Perricci. Subito dopo, l’intervento del consigliere regionale Fabiano Amati che a nome del Consiglio Regionale consegnerà alla Biblioteca 30 volumi sul tema del progetto.

A seguire, la storica dell’arte Lia De Venere, presenteràEchi, l’installazione dell’artista Raffaele Fiorella.

Echi potrebbe sembrare a prima vista un carillon, ma non emette leziose e rassicuranti melodie. Al contrario – quando ci si avvicina – riproduce rumori piuttosto inquietanti, quelli di venti, temporali, incendi, terremoti e altre catastrofi naturali; il loro volume aumenta progressivamente. Un invito – quello di Fiorella - a imparare a conoscere le dinamiche della natura, a gestire e – dove possibile – a evitare le conseguenze di pericolosi eventi.

Raffaele Fiorella , vive e lavora a Barletta. In bilico tra poesia e vita ordinaria, il suo lavoro, contrassegnato dal ricorso a diversi linguaggi, dal video all’installazione alla scultura, è un sofisticato gioco di contraddizioni, che coglie attimi, frammenti di vita vissuta e non, racconta la gente, le strade e la vita quotidiana nella sua complessità, ricreando luoghi della memoria e dell’illusione che potrebbero tradursi quasi in land-escapes (fughe dai luoghi reali), per rifugiarsi in un mondo altro. Ha al suo attivo numerose partecipazioni a mostre collettive in Italia e all’estero e diverse mostre personali.

Le opere di Raffaele Fiorella resteranno esposte per 2 settimane nella sede dell’evento.

Parlerà di rischi naturali dal punto di vista scientifico, invece, Silvia Peppoloni, ricercatrice dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, autrice, per Il Mulino, del libro “Convivere con i rischi naturali. Conoscerli per difendersi”. Silvia Peppoloni si occupa di pericolosità̀ sismica, geotecnica e geomorfologica, con specifico riferimento a centri storici e beni culturali. È Segretario Generale della International Association for Promoting Geoethics, responsabile della Sezione di Geoetica e Cultura Geologica della Società Geologica Italiana e membro della Commissione di Geoetica della Federazione italiana di Scienze della Terra.
Terremoti, eruzioni, frane, inondazioni. Il libro della Peppoloni spiega quali sono le cause dei fenomeni naturali, in che misura essi sono prevedibili, e soprattutto quali possibilità abbiamo di difenderci; l'obiettivo è quello di contribuire a trasformare la cultura del soccorso e dell'emergenza in cultura della prevenzione e della mitigazione del rischio.

Dialogherà con l’autrice, Federica Cotecchia, docente di Ingegneria geotecnica al Politecnico di Bari.

Il Comune informa
Finestra sulla città

Eventi
JanuaryFebruary 2020March
SMTWTFS
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
 
       

Segnala un Evento
 
Posta Elettronica Certificata:
comune@pec.comune.monopoli.ba.it
Copyright © 2009-2010  - 
Mappa del Sito - Note Legali - Accessibilità e Usabilità - Storia del Sito