Accedi
Registrazione
Buon Giorno, oggi è | domenica 22 settembre 2019
  Cerca
LabelRss Forum Blog
Attività Finanziarie

Tributi e tariffe - IMU Tributi e tariffe - IMU
  
Ultimo aggiornamento: 02 agosto 2019

IMU (Imposta Municipale Unica) 2019

Oggetto d'imposta

Come si calcola

Aliquote

Esenzioni - Agevolazioni - Detrazioni

Liquidazione e riscossione

Scadenze

Quota statale

Valori delle Aree Fabbricabili

La dichiarazione


Codice Catastale del Comune di Monopoli: F376





OGGETTO D'IMPOSTA

L’IMU si applica al possesso a titolo di proprietà o diritto reale di godimento su:
  • fabbricati;

  • aree fabbricabili;

  • terreni agricoli e terreni incolti.





COME SI CALCOLA

L'IMU si calcola moltiplicando la base imponibile per l’aliquota.
La base imponibile è costituita:
  • per i fabbricati, dalla rendita catastale rivalutata del 5% e moltiplicata per un coefficiente definito moltiplicatore (vedi paragrafo Moltiplicatore);

  • per i terreni agricoli e per i terreni non coltivati, dal reddito dominicale rivalutato del 25% e moltiplicato per un coefficiente definito moltiplicatore; (vedi paragrafo Moltiplicatore);

  • per i fabbricati classificabili nel gruppo catastale D, non iscritti in catasto, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzati, dal valore, al lordo delle quote di ammortamento, che risulta dalle scritture contabili, applicando per ciascun anno i coefficienti definiti dal MEF;

  • per le aree fabbricabili, dal valore venale dell’area al 1^ gennaio dell’anno di riferimento.


Moltiplicatore:
  • 160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con esclusione della categoria catastale A/10;

  • 140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;

  • 80 per i fabbricati classificati nelle categorie catastali A/10 e D/5;

  • 65 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D, ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5;

  • 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1;

  • 135 per i terreni (75 per terreni agricoli, nonché per quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola).





ALIQUOTE ANNO 2019

Le aliquote IMU per l’anno 2019, approvate con la deliberazione del Consiglio comunale n. 53 del 21/12/2018:

  • 10,60 ‰ - Aliquota di base
  • 10,10 ‰ - Aliquota ridotta per le categorie catastali: C01 (Negozi e botteghe); C03 (Laboratori per arti e mestieri); D01 (Opifici); D02 (Alberghi e pensionicon fine di lucro); D03 ( Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e scimili con fine di lucro); D06 (Fabbricati e locali per esercizi sportivi con fine di lucro) di base.
  • 9,60 - Aliquota ridotta per terreni non condotti ed aree fabbricabili
  • 5,00 - Aliquota ridotta per abitazione principale e relative pertinenze (solo quelle classificate nelle categorie catastali A01, A08 e A09)






ESENZIONI – AGEVOLAZIONI – DETRAZIONI


Sono ESENTI dal pagamento dell’imposta i seguenti immobili:
  • fabbricati classificati o classificabili nelle categorie catastali da E/1 a E/9;
  • gli immobili posseduti dallo Stato, nonché gli immobili posseduti, nel proprio territorio, dalle Regioni, dalle province, dal Comune, dalle Comunità montane, dai consorzi fra detti enti, dagli Enti del Servizio Sanitario Nazionale, destinati esclusivamente ai compiti istituzionali;
  • i fabbricati classificati nelle categorie catastali da E/1 a E/9;
  • i fabbricati con destinazione ad usi culturali di cui all’articolo 5 bis del D.P.R. n. 601/1973;
  • i fabbricati destinati esclusivamente all’esercizio del culto;
  • i fabbricati di proprietà della Santa Sede;
  • i fabbricati appartenenti agli Stati esteri ed alle organizzazioni internazionali per i quali è prevista l’esenzione dall’imposta locale sul reddito dei fabbricati;
  • gli immobili utilizzati dai soggetti di cui all’articolo 73, comma 1, lettera c), del D.P.R. n. 917/1986 destinati esclusivamente allo svolgimento con modalità non commerciali di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, di ricerca scientifica, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive, nonché delle attività di cui all’articolo 16, lettera a), della Legge 20 maggio 1985, n. 222;
  • gli immobili di proprietà delle ONLUS;
  • le abitazioni principali e le relative pertinenze (nella misura massima di una pertinenza per ciascuna categoria catastale C/2, C/6 e C/7), ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9; si considerano equiparate ad abitazione principale le unità immobiliari possedute a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che le stesse non risultino locate;
  • le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari;
  • i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture 22 aprile 2008;
  • le case coniugali assegnate al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;
  • gli immobili, in numero massimo di uno per soggetto passivo, posseduti, e non concessi in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate, al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per i quali non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica;
  • i fabbricati rurali ad uso strumentale;
  • i fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati;
  •  i terreni agricoli posseduti e condotti da: 1) coltivatori diretti (CD) o imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti nella previdenza agricola; 2) società agricole; 3) familiari coadiuvanti del coltivatore diretto appartenenti al medesimo nucleo familiare iscritti nella gestione assistenziale e previdenziale agricola quali coltivatori diretti.

AGEVOLAZIONI:

  • è ridotta al 50 % la base imponibile dei fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati;
  • è ridotta al 50 % la base imponibile dei fabbricati non accatastati come A/1, A/8 o A/9 dati in comodato d’uso a figli o genitori che li utilizzano come abitazione principale, se il contratto di comodato è registrato e il comodante possieda un solo immobile in Italia e abbia la residenza anagrafica e la dimora abituale nello stesso comune in cui si trova la casa data in uso ovvero, oltre a quest’ultima, possieda nello stesso comune un altro appartamento non accatastato come A/1, A/8 o A/9 adibito a propria abitazione principale;
  • è ridotta al 50 % la base imponibile dei fabbricati di interesse storico o artistico;
  • è ridotta al 75 % l’imposta dei fabbricati locati a canone concordato di cui alla legge 9 dicembre 1998, n. 431 determinata applicando l'aliquota di base stabilita dal comune.

 

AGEVOLAZIONI per l'agricoltura:

  •  le aree fabbricabili possedute (anche in quota parte) e condotte per fini agro-silvo-pastorali da: 1) coltivatori diretti (CD) o da imprenditori agricoli professionali (IAP) iscritti nella previdenza agricola; 2) società agricole; 3) familiari coadiuvanti del coltivatore diretto appartenenti al medesimo nucleo familiare iscritti nella gestione assistenziale e previdenziale agricola quali coltivatori diretti, sono esenti come i terreni agricoli.

DETRAZIONI
  • per abitazione principale e immobili ad essa equiparati (vedi paragrafo Esenzioni) accatastati come A/1, A/8 o A/9 non oggetto di esenzione: € 200,00.


Specificazioni relative all’abitazione principale:

  • per una coppia di coniugi non è possibile disporre di due abitazioni principali nell’ambito dello stesso comune usufruendo due volte di un trattamento agevolato;

  • per le coppie che stabiliscono la residenza in due immobili separati, l’abitazione principale potrà essere solo una di esse.





LIQUIDAZIONE E RISCOSSIONE


Il Comune non procede alla liquidazione d’ufficio dell’IMU pertanto il contribuente è tenuto al versamento del tributo in autoliquidazione. È sempre possibile avvalersi comunque dell’assistenza fiscale da parte di un soggetto preposto (Caf o studio commerciale).

La riscossione del tributo avviene mediante modello F24 utilizzando i seguenti codici tributo:

Tipologia immobile Codice tributo
Abitazione principale e pertinenze di categoria A/1, A/8 e A/9 3912
Terreni 3914
Aree fabbricabili 3916
Altri fabbricati 3918
Fabbricati categoria D (STATO) 3925
Fabbricati categoria D (INCREMENTO COMUNE) 3930


Codice Catastale del Comune di Monopoli: F376

L’importo minimo al di sotto del quale il versamento non deve essere effettuato è di € 10,00 di imposta annua.


INFORMAZIONE IMPORTANTE:
Sul sito Internet comunale è disponibile il nuovo portale del contribuenteSmartCity accessibile mediante credenziali SPID. Dal portale è possibile consultare il dettaglio della propria posizione tributaria riferita ad IMU, TASI e TARI. Nei prossimi mesi sarà anche possibile effettuare i pagamenti on-line direttamente dal portale, nonché trasmettere istanze all'Ufficio e verificarne l'iter procedurale.
Sul portale è disponibile una calcolatrice per il calcolo dell’IMU e della TASI sia personalizzata, previo accesso registrato, sulla base degli immobili posseduti, sia libera, senza necessità di registrazione alcuna, aggiungendo manualmente gli immobili su cui calcolare il tributo. In entrambi i casi, il sistema consente di stampare anche il modello F24. Alternativamente, è possibile utilizzare anche la calcolatrice IMU-TASI accessibile dal sito   www.amministrazionicomunali.it senza registrazione da parte dell’utente con caricamento manuale dei singoli immobili su cui si desidera calcolare il tributo.




SCADENZE


  • acconto entro il 17 giugno 2019 pari al 50 % ovvero al 100 % dell’imposta complessivamente dovuta;

  • saldo entro il 16 dicembre 2019 a conguaglio dell’imposta complessivamente dovuta;

  • gli enti non commerciali effettuano il versamento in tre rate: una entro il 17 giugno ed una entro il 16 dicembre pari ciascuna al 50 % dell’imposta dovuta sulla base delle aliquote e della detrazione deliberate per l’anno 2017, l'ultima, a conguaglio dell'imposta complessivamente dovuta, entro il 16 giugno dell'anno successivo a quello cui si riferisce il versamento.





QUOTA STATALE
È riservata allo Stato la quota di gettito IMU derivante dall’applicazione dell’aliquota dello 0,76 % agli immobili appartenenti alla categoria catastale D. Tale quota deve essere versata allo Stato contestualmente a quella comunale ma con appositi codici. Resta di competenza comunale la differenza tra l’aliquota deliberata dal comune e la parte riservata allo Stato (0,76 %).




Valori delle Aree Fabbricabili – Anno 2017
Determinazione valore venale in comune commercio delle aree fabbricabili per il periodo dal 2017 ai fini dell’applicazione dell’imposta municipale propria (IMU) (Deliberazione della Giunta comunale n. 67 del 25/05/2017).

 D.G. n. 67 del 2017
 Allegato



Valori delle Aree Fabbricabili – Anni 2012-2013
Determinazione valore venale in comune commercio delle aree fabbricabili per il periodo 2012-2013 ai fini dell’applicazione dell’imposta municipale propria (IMU) (Deliberazione della Giunta comunale n. 178 del 06/12/2013).

 D.G n.178 del 2013

 Allegato



Valori delle Aree Fabbricabili – Anno 2011
Determinazione del valore venale in comune commercio delle aree fabbricabili ai fini dell’applicazione dell’imposta comunale sugli immobili (ICI) e dell’imposta municipale propria (IMU) (Deliberazione della Giunta comunale n. 193 del 21/11/2012).

 Allegato

 D.G.n.193 del 2012 

 Relazione Valori Aree Fabbricabili






LA DICHIARAZIONE

I contribuenti devono presentare la dichiarazione IMU (solo nei casi in cui si vuol godere di particolari agevolazioni di imposta la cui spettanza non può essere altrimenti rilevata dall’ufficio) entro il 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta (quindi per le variazioni inerenti l’anno 2019 la scadenza è al 31 dicembre 2020), utilizzando l’apposito modello disponibile, unitamente alle relative istruzioni, anche presso il Servizio Fiscalità. Tale dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell’imposta dovuta.
Gli Enti Non Commerciali (ENC) che possiedono immobili oggetto dell’esenzione di cui all’art. 7, comma 1, lett. i) del D.Lgs 30 dicembre 1992, n. 504, devono presentare la dichiarazione IMU al Dipartimento delle Finanze, esclusivamente con modalità telematica, entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta (quindi per le variazioni inerenti l’anno 2019 la scadenza è al 30 giugno 2020). Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato le nuove specifiche tecniche (versione 1/2019) utilizzabili a partire dal 15 luglio 2019 per la trasmissione dei dati della dichiarazione IMU.

  Modulistica IMU / TASI
 

Link correlati

 
TESORERIA COMUNALE:
Banca UNICREDIT SPA
Via Ten. Vacca n. 23 Monopoli
Tel. 0809210604
(Il servizio ha decorrenza dal 01/04/2016 - Determinazione n. 42 del 16/02/2016)
Codici IBAN
CODICE Swift: UNCRITM1H06
Worldwide Interbank Financial Telecommunication
PARTITA IVA: 00374620722
CODICE CATASTALE: F376
CODICE ISTAT: 072030
Contatti

 
L’IMPOSTA è una prestazione obbligatoria in denaro che lo Stato, le regioni e gli enti locali prelevano ai contribuenti, per far fronte alle spese necessarie al loro mantenimento e per soddisfare i bisogni pubblici. A differenza della tassa, si caratterizza per la mancanza di una controprestazione distintamente individuabile dell'ente pubblico
 
Posta Elettronica Certificata:
comune@pec.comune.monopoli.ba.it
Copyright © 2009-2010  - 
Mappa del Sito - Note Legali - Accessibilità e Usabilità - Storia del Sito