Accedi
Registrazione
Buon Giorno, oggi è | martedì 19 novembre 2019
  Cerca
LabelRss Forum Blog
 
Vai alla home del Piano Strategico Valle d'Itria
Loghi dell?unione Europea e della Regione Puglia
Aree tematiche

L'elaborazione - Indici di successo L'elaborazione - Indici di successo

L’informazione e la partecipazione dei cittadini nei processi di decisione e pianificazione territoriale strategica si configurano tra gli aspetti più innovativi del nuovo modello di governance .
Il successo del Piano Strategico che i Comuni proponenti elaboreranno sarà garantito da alcuni elementi metodologici essenziali per il reale coinvolgimento di tutti gli attori locali nelle fasi di progettazione e di attuazione del Piano stesso.
In primo luogo, il Piano costituisce per le amministrazioni proponenti e per tutti gli attori locali interessati e coinvolti nella sua attuazione uno strumento per “mettere a sistema” tutti i progetti, piani e programmi in corso di avvio o realizzati nel territorio interessato: il Piano, cioè, dovrà conseguire quale primo concreto risultato la ottimizzazione delle risorse umane e finanziarie attivate o disponibili sul territorio e in un contesto non solo locale, ma anche regionale, nazionale e comunitario.

In aggiunta si evidenzia in particolare l’opportunità di promuovere e sviluppare in tutta l’Area interessata il processo dell’Agenda 21 Locale quale importante strumento per la governance ambientale e dello sviluppo sostenibile.
Dal processo di attivazione ed attuazione dell’Agenda 21 Locale, infatti, il Piano Strategico dovrà mutuare la Metodologia EASW (European Awareness Scenario Workshop). Si tratta di uno strumento che, promosso dalla DG Ambiente della Commissione Europea per sensibilizzare e motivare grandi gruppi di attori locali nel processo di attivazione della città sostenibile, è stato successivamente utilizzato con successo in diversi ambiti della pianificazione strategica: sviluppo locale, attivazione di percorsi di cambiamento organizzativo, Agenda21, innovazione e ricerca, Piani Urban, Piani di Zona.

La metodologia EASW prevede il coinvolgimento degli attori locali per gruppi distinti quattro categorie di attori chiave (politici/amministratori, operatori economici, tecnologi/esperti, utenti/cittadini) e per sessioni tematiche/priorità di sviluppo, e prevede tre fasi principali di attività:
  • Elaborazione di scenari per stimolare i partecipanti sulle possibili scelte del futuro;
  • Elaborazione di visioni future da parte degli attori di riferimento che partecipano alle sessioni tematiche del Forum;
  • Elaborazione delle idee: nell’ambito di ciascuna sessione tematica e tenuto conto della condivisione in sede plenaria.
La metodologia è particolarmente robusta ed efficace per attivare processi locali di consapevolezza, motivazione e di messa in rete di competenze.
Dalle idee selezionate e da quelle che saranno elaborate potranno emergere una serie di azioni, gruppi di lavoro, progetti. Spesso questa modalità di condurre i lavori di gruppo (workshop) è servito ad attivare delle partnership tra attori locali che hanno consentito di sviluppare strategia diverse o di partecipare a progetti internazionali.

Ultimo, e non meno importante, fattore di successo del Piano Strategico, potrebbe essere dato dalla volontà delle amministrazioni proponenti di aderire al gruppo italiano della Rete Internazionale delle Città con Piano Strategico promossa a livello comunitario per mettere insieme le diverse esperienze che hanno approcciato la pianificazione strategica come metodo e strumento per un disegno di crescita urbana, e che intendono porle anche in raffronto con quanto già fatto da altre città in contesti diversi e con lo scopo di passare nel miglior modo possibile dalla “pianificazione delle strategie” alla “applicazione delle strategie”. La rete europea delle città con piani strategici, quindi, affronta in un tavolo “inter-metropolitano” di livello europeo, con un approccio di benchmarking, la problematicità del rapporto tra “il governo” (inteso come disegno e meccanismo istituzionale più adatto a governare) e “il governare” (l’azione volta a raggiungere gli obiettivi prefigurati). Il Piano Strategico si qualificherà così quale strumento cruciale nell’ “institutional building”, mettendo in rete e facendo circolare e agire attori, interessi, politiche e risorse che maturano processi di consolidamento e di regolamentazione reciproca della propria attività.

La Rete potrà consentire al territorio interessato di disegnare nuovi rapporti interistituzionali in ambito nazionale (tra comuni, province e regioni) e a consolidare le relazioni tra le città, italiane ma anche europee, che cercano soluzioni ai problemi territoriali con approcci e strumenti innovativi quale la pianificazione strategica; ma la Rete consentirà anche di affermare e sviluppare modelli di governance efficaci per la definizione di strategie urbane e la loro messa in atto, attraverso il confronto tra strumenti e procedure funzionanti, già in corso nelle città europee, e l’individuazione e la sperimentazione di nuovi modelli possibili.
Amministrazioni Provinciali di:

  Comuni di:

Provincia di Bari
Provincia di Brindisi
Provincia di Taranto
 
Comune di Monopoli CAPOFILA
Comune di Alberobello
Comune di  Castellana Grotte
Comune di Cisternino
Comune di Martina Franca
Comune di Locorotondo
Comune di Noci
Comune di Putignano
Bari
Brindisi
Taranto
 
Monopoli
Capofila
Alberobello
Castellana Grotte
Cisternino
Martina Franca
Locorotondo
Noci
Putignano
 
 
Posta Elettronica Certificata:
comune@pec.comune.monopoli.ba.it
Copyright © 2009-2010  - 
Mappa del Sito - Note Legali - Accessibilità e Usabilità - Storia del Sito